Daisy Studio Flower Farm

Conservare la natura e promuovere il territorio producendo biodiversità

Questo progetto è stato realizzato con il contributo del POR FESR – REGIONE VENETO – 2014/2020

Questo è un progetto di conservazione della natura basato sulla produzione di biodiversità. Tutto parte dall’idea di dare un valore ed un ruolo, reale ed economico, alla biodiversità, ed in particolare alla diversità botanica della mia regione, il Veneto, per conservarla ed arrivare a produrla e utilizzarla fornendo prodotti e servizi diversificati, ad un target altrettanto vario.

Il  progetto si propone di promuovere e valorizzare le valenze naturalistiche dell’area delle colline trevigiane e in particolare della Vallata nei dintorni di Cison di Valmarino: una zona dove, nonostante le pressioni antropiche di varia natura si conservano ancora paesaggi naturali, naturaliformi ed agrari di grande interesse.

Obiettivi

  • Conservare e promuovere un sistema di naturalità diffusa, a più livelli
  • Ripristinare alcune porzioni di habitat di ambiente umido scomparse o fortemente degradate
  • Conservare le specie vegetali erbacee degli ambienti umidi del Veneto
  • Promuovere il territorio, la conoscenza della natura e della biodiversità con iniziative didattiche e di divulgazione rivolte a scuole, enti, visitatori, turisti
  • Promuovere la fruizione sostenibile del territorio e delle sue risorse naturalistiche con servizi e prodotti sostenibili ed innovativi
  • Valorizzare il territorio dell’alta marca trevigiana, con le sue bellezze naturali e paesaggistiche.

Risultati

Grazie al contributo economico concesso tramite il POR FESR – REGIONE VENETO – 2014/2020 mi è stato possibile implementare il progetto ed ottenere i risultati descritti di seguito.

Il progetto si sviluppa in più parti: innanzitutto è stata attivata una serie di servizi di guida naturalistica, negli itinerari locali, rivolti sia ai bambini e quindi alle scuole, di ogni ordine e grado, che ad un pubblico adulto, con visite guidate in ambiente ma anche laboratori naturalistici, corsi, workshop, incontri ed eventi tematici presso varie sedi. L’acquisto di un piccolo mezzo per il trasporto delle attrezzature mi permette ora di offrire un servizio strutturato e completo, una vera e propria Scuola di natura itinerante. Inoltre lo stesso mezzo può servire anche al trasporto di piccoli gruppi di persone in occasione di passeggiate ed escursioni organizzate.

Inoltre, contemporaneamente a tutto ciò sto lavorando anche per il ripristino, presso un appezzamento di terreno fino a poco tempo fa condotto a seminativo, di habitat di prato umido di valore naturalistico e per la creazione di un campo - giardino naturalistico, che servirà a scopo conservazionistico ma anche produttivo.

L’obiettivo è infatti sia quello di creare un luogo per la coltivazione e la protezione delle specie vegetali tipiche locali, che per la coltivazione sostenibile di biodiversità come prodotto (fiori da taglio e altro materiale naturale decorativo stagionale ovvero fogliame, bacche, rami ecc.). Questo servirà ad offrire un servizio di decorazione floreale ed allestimento eventi sostenibile e “al naturale”, ovvero a minimo impatto ambientale e a filiera corta.

Infine, anche la parte di comunicazione e promozione del progetto stesso, con la realizzazione di questo sito web e di altri materiali promozionali, stampati e non, è stata resa possibile attraverso il finanziamento ricevuto.

Floreale, naturale: la biodiversità come prodotto

L’utilizzo di specie coltivate in loco, originarie del luogo, spesso rare e coltivate in questo caso anche a scopo conservazionistico, senza l’uso di prodotti chimici e pesticidi di sorta, insieme al non uso di prodotti sintetici per la lavorazione floreale (spugne, colle, cere sintetiche, elementi metallici ecc.) consentiranno di offrire un servizio floreale con impatti ambientali realmente minimi, ponendosi come valida alternativa ai servizi floreali tradizionali che invece hanno impatti molto elevati. Normalmente infatti il materiale floreale proviene spesso dall’estero (Africa, America) con ingenti costi ambientali (e sociali) legati ai trasporti e ai metodi di coltivazione, di condizionamento e di lavorazione del fiore reciso.

Ecco quindi che la biodiversità assume, nell’ambito di questo progetto, un ruolo economico ben definito all’interno di un’azienda e di un mercato con una precisa domanda di natura, attualmente in crescita. La biodiversità non è più un qualcosa da conservare per il solo valore naturalistico ed etico, ma diventa una risorsa che è oggettivamente utile mantenere ed anzi produrre: si trasforma in un prodotto alla portata di tutti, grazie ai molteplici servizi didattici offerti (visite guidate, corsi, laboratori, workshop, eventi tematici), ma anche di eccellenza e pensato per gli eventi speciali (allestimenti per eventi, servizio di green design).

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti e scarica subito un regalo, perfetto per colorare la tua vita di ogni giorno: “Piccoli fiori – la miniguida botanica dei fiori semplici”, il mio e-book! E poi ogni mese riceverai notizie floreali ed anteprime sui corsi in programma direttamente nella tua casella di posta.